Il Trekking o passeggiate in natura trasformano il corpo e la mente

Anche se a molti può sembrare ovvio che camminare in mezzo ad un bosco o in montagna possa depurare mente, corpo, la scienza ora  lo conferma che l’escursionismo può effettivamente cambiare il tuo cervello… in meglio!

Troppi pensieri per la testa? Ti basta un piccolo trekking in natura.

La calma immediata sarà la prima sensazione che proverai camminando all’aria aperta, lontano da rumori, traffico e smog, le escursioni in natura possono aiutare aiutare tutti quelli che vengono consumati da pensieri negativi e ossessivi che spesso possono sconfinare nell’ansia e depressione nel peggiore dei casi. La PNAS ( Proceedings of National Academy of Sciences ) http://www.pnas.org/ ha condotto in merito degli studi che il trascorrere del tempo in natura spesso riduce stress e pensieri negativi.

I ricercatori hanno scelto delle persone che vivono in zone urbane senza precedenti di disturbi mentali, divisi in 2 gruppi entrambi i gruppi dovevano camminare per 90 minuti, il primo gruppo in un percorso in natura lontani dalla città, il secondo in un percorso cittadino spesso anche molto trafficato.

I test consisteva in una serie di domande, fatte prima e successivamente la camminata. Le risposte date dal primo gruppo, dopo il percorso in natura, sono state molto differenti in confronto ad secondo gruppo che aveva il percorso cittadino. Anche il test medico-scientifico effettuati sui 2 gruppi ha supportato la tesi: nel primo gruppo zona cerebrale interessata dello stress era diminuita l’attività neurale, mentre il secondo gruppo che aveva camminato nell’area urbana non ha riportato alcun cambiamento. Dimostrazione che trascorrere più tempo in mezzo alla natura, può apportare grandi benefici fisici e psicologici.

Passeggiare all’aperto può migliorare l’ADHD nei bambini

La sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) sta diventando sempre più comune tra i bambini. I bambini che hanno l’ADHD non riescono a gestire gli impulsi e rimanere concentrati, vengono distratti facilmente, e mostrano iperattività eccessiva.

L’educazione dei figli che hanno l’ADHD può essere difficile per i genitori, i dottori come al solito prescrivono farmaci che possono fare più male che bene, soprattutto quando le soluzioni naturali funzionano. Uno studio condotto da Frances E Kup, e Andrea Faber Taylor, ha dimostrato che la pratica nelle aree verdi riduce notevolmente i sintomi nei bambini con ADHD. I risultati di questo studio suggeriscono che le passeggiate in mezzo alla natura possono migliorare il comportamento impulsivo e i disturbi dell’attenzione.

Una creatività più spiccata

Stare a contatto con la natura per un lungo periodo può avere effetti proficui sulla creatività. Sono stati condotti degli studi in merito: i partecipanti a questa ricerca hanno trascorso diversi giorni consecutivi nella natura. Lo studio ha mostrato che la completa assenza di tecnologia hanno incrementato la creatività e l’abilità di risolvere problemi ben del 50%. Perché succede questo? Gli psicologi hanno spiegato: “La nostra società moderna è piena di eventi improvvisi (cellulari che squillano, clacson, televisioni ad alto volume, etc.) che catturano l’attenzione e ci conducono a distrarci facilmente. Al contrario, gli ambienti naturali sono caratterizzati da suoni gentili, morbidi, rilassanti che permettono al sistema cognitivo di essere pienamente in funzione”

L’escursionismo aumenta le tue capacità mentali

Sappiamo già che l’esercizio è fantastico per il nostro benessere generale, è un ottimo modo anche per bruciare tra le 400-700 calorie ogni ora, ed è più facile per le articolazioni di altre attività come ad esempio la corsa. E ‘stato dimostrato che le persone che si esercitano all’aria aperta sono più propensi a portare a termine i loro programmi, fare trekking è una scelta eccellente per chi desidera diventare più attivo regolarmente.

Come iniziare questa attività?

Per fortuna, l’escursionismo il trekking sono tre le attività più facili e meno costose che ci siano, e può apportare grandi benefici per tutta la famiglia. Inizia con piccoli percorsi e prova le tue abilità in base a ciò che ti si addice. Se questo significa attraversare a piedi il sentiero di un parco, va bene. Qualsiasi esercizio all’aperto è meglio di niente. Per la ricerca di mappe e sentieri intorno a casa tua, esistono molti modi per rintracciarne, affidati alle associazioni già presenti sul territorio, di solito composte da professionisti, che potranno di volta in volta portarti alla scoperta delle tue radici, spesso ignorate da molti. Ti consiglio di spegnere il telefono durante le escursioni, in modo da poter trarre maggiori benefici della camminata (anche se può essere saggio portarlo con voi in caso di emergenza).

Assicurati di avere delle buone scarpe robuste da trekking, un cappello e una bottiglia d’acqua, e dei vestiti comodi. Considera l’utilizzo di bastoni da trekking, può aumentare la velocità e diminuire la pressione sulle ginocchia. Poche avvertenze, Guardate sempre il meteo il giorno prima e avvertite i familiari dove state andando, e soprattutto preferite la presenza di persone esperte che conoscono il posto. Ora cosa aspettate, potete visionare su questo sito internet tantissime proposte, buon trekking a tutti.

shares

Pin It on Pinterest

Share This